Responsabile


Francaviglia Rosa
rosa.francaviglia@entecra.it

Staff

Cambiamenti climatici e sequestro di carbonio

Sistemi colturali e modellistica agroambientale

Elaborazione di due indicatori ambientali (erosione e carbonio organico) per la Regione Abruzzo - SIAS-ABRUZZO

Coordinatore: ISPRA. http://www.isprambiente.gov.it/site/it-IT/

Finanziatore: Agenzia Regionale per i Servizi di Sviluppo Agricolo –ARSSA Abruzzo. http://www.arssa.abruzzo.gov.it/

Date: 15/10/2009 to 15/10/2010

ISPRA (ex APAT) sta realizzando un progetto, denominato SIAS (Sviluppo di Indicatori Ambientali sul Suolo in Italia) il cui obiettivo è la costruzione di specifici indicatori ambientali sul suolo tramite l’elaborazione di una metodologia di condivisione, standardizzazione ed organizzazione delle informazioni secondo le indicazioni contenute nella Direttiva INSPIRE.
ISPRA, per l’attuazione di tale progetto, intende coinvolgere le strutture regionali e delle Province Autonome che stanno svolgendo il ruolo di Servizio Regionale per il Suolo tra cui il Centro SAPA dell’ARSSA;
ISPRA ha affidato all’ARSSA l’elaborazione in via sperimentale di 2 indicatori ambientali specifici (erosione e carbonio organico) secondo le modalità operative stabilite dal Gruppo di Lavoro e coordinate dall’ARPAV Veneto.
L’ARSSA ha affidato la realizzazione del servizio di elaborazione dei due indicatori ambientali (erosione e carbonio organico) al CRA-RPS di Roma (Convenzione ARSSA-CRA-RPS del 15 ottobre 2009).

Obiettivi
Obiettivo del progetto SIAS di ISPRA è la costruzione di indicatori ambientali sul suolo sulla base dell’armonizzazione delle informazioni pedologiche, già disponibili a livello regionale, tramite la loro discretizzazione, secondo “pixel” di dimensioni adeguate, in accordo con i criteri INSPIRE.

Risultati
Le metodologie seguite per l’elaborazione degli indicatori hanno utilizzato i dati forniti dal Centro SAPA dell’ARSSA relativi a 1799 profili georeferenziati di terreno con: quota, pendenza, orizzonti e relative analisi granulometriche (percentuali di sabbia,limo e argilla) e di contenuto in carbonio organico per il calcolo della sostanza organica. I dati di precipitazione (medie mensili), provenienti in 17 stazioni pluviometriche, sono stati estratti dalla rete nazionale (fonte CRA-CMA). Sono stati inoltre utilizzati: il modello digitale del terreno con risoluzione a 30m (fonte ASTER) e la carta di uso del suolo (fonte Corine Land Cover).
La stima del carbonio organico è stata condotta utilizzando le quantità percentuali alle profondità richieste (30 e 100 cm) dei 1799 profili. Per la trasformazione in t/ha è stata utilizzata la formula proposta nel formato di scambio fornito dall’ARPAV, che considera il carbonio organico in %, la densità apparente, lo spessore e lo scheletro. I valori ottenuti per le varie stazioni sono stati spazializzati su base raster con cella 30m sull’intero territorio regionale tramite metodo deterministico IDW (Inverse Distance Weighted). Il valore assegnato alle celle della rete INSPIRE è corrispondente alla media dei valori delle celle a 30m inscritte in ciascuna cella 1x1 km.


Carta C 30 cm percent


Carta C 30 cm


Carta C 100 cm percent


Carta C 100cm

La determinazione della quantità di suolo eroso (t/ha·anno) nel territorio regionale è stata effettuata mediante la RUSLE (Revised Universal Soil Loss Equation) espressa dalla seguente equazione:
A = R x LS x K x C x P
dove: R è il fattore di erosività legato alla pioggia; LS è il fattore topografico (lunghezza L e pendenza S del versante); K è il fattore di erodibilità legato alla tessitura ed al contenuto in sostanza organica; C è il fattore di copertura del suolo; P è il fattore relativo alle pratiche per la conservazione del suolo.
I risultati della RUSLE sono stati rappresentati come erosione potenziale (cioè senza i fattori di copertura e pratiche per la conservazione del suolo) ed erosione attuale.


Carta erosione potenziale


Carta erosione attuale

Pubblicazioni chiave

Marchetti A., Piccini C., Francaviglia R., Santucci S., Chiuchiarelli I. 2008. Evaluation of soil organic matter content in Teramo province (Central Italy). Advances in GeoEcology 39: 345-356.

Marchetti A., Piccini C., Francaviglia R., Santucci S., Chiuchiarelli I. 2008. Utilizzo di dati telerilevati nelle valutazioni agro-ambientali: stima del contenuto di sostanza organica nei suoli. 12a Conferenza Nazionale della Federazione Italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali ed Ambientali (ASITA), L’Aquila, 21-24 ottobre. 1417-1422, ISBN 978-88-903132-1-9.

Marchetti A., Piccini C., Francaviglia R., Santucci S., Chiuchiarelli I. 2010. Estimating Soil Organic Matter Content by Regression Kriging. In: Digital Soil Mapping. Bridging Research, Environmental Application, and Operation. Progress in Soil Science 2. Boettinger J.L., Howell D.W., Moore A.C., Hartemink A.E., Kienast-Brown S. (Eds.), Springer, 241-254.

Marchetti A., Piccini C., Francaviglia R., Santucci S., Chiuchiarelli I., 2008. Spatial distribution of organic matter to assess soil quality. A case study in Central Italy. 5th International Conference on Land Degradation. Valenzano, Bari, 18-22 September. Vol. 1: 169-173.

Marchetti A., Piccini C., Santucci S., Chiuchiarelli I., Francaviglia R. 2010. GIS assessment of soil erosion withe the RUSLE in Abruzzo region, Italy. 4th Global Workshop on Digital Soil Mapping, Rome, 24-26/05/2010, Volume dei riassunti p. 62, disponibile su www.scienzadelsuolo.org link a Commissione VI.

Piccini C., Marchetti A., Santucci S., Chiuchiarelli I., Francaviglia R. 2010. Regression kriging in soil organic matter evaluation: predicted maps for Abruzzo region (Italy). 4th Global Workshop on Digital Soil Mapping, Rome, 24-26/05/2010, Volume dei riassunti p. 22, disponibile su www.scienzadelsuolo.org link a Commissione VI.

Link

http://inspire.jrc.ec.europa.eu/

http://www.digitalsoilmapping.org/

http://www.globalsoilmap.net/

http://www.inspire-geoportal.eu/

http://www.pedometrics.org/pm/