Gestione sostenibile delle colture e sistemi colturali a basso impatto

Nell’ambito di questa tematica, il Centro, fin dai primi anni ’90, si interessa dello studio dei degli agro ecosistemi condotti con il metodo di agricoltura biologica. In particolare, i ricercatori del CRA-RPS si occupano della valutazione degli effetti agronomici ed ambientali dell’introduzione del metodo di agricoltura organica nei principali ambienti pedoclimatici della Penisola, con riferimento alle filiere nazionali di maggior interesse (cerealicola, agrumicola, orticola).

L’attenzione al settore dell’agricoltura biologica nasce dall’evidenza che in tutti i Paesi economicamente sviluppati, il consumo di prodotti biologici è in forte crescita e il processo è determinato da una serie di fattori che operano simultaneamente. Tra questi, la preferenza dei consumatori per alimenti a minor contenuto di residui di pesticidi, le esigenze di approvvigionarsi di cibi riconosciuti come sani ed ad elevato valore nutritivo, l’impatto ambientale negativo associato con le produzioni intensive e convenzionali. Anche l’esistenza di norme consolidate, come i Regolamenti Comunitari sul biologico (Reg. UE 834/07) e gli standard emanati dall’USDA (NOP – National Organic Program), che in Europa e negli Stati Uniti rendono riconoscibili ed affidabili i prodotti bio, contribuisce allo sviluppo del settore. Nel contesto nazionale ed internazionale sembra quindi consolidarsi l’interesse per le produzioni biologiche come quelle in grado di soddisfare i requisiti imposti dalla cosiddetta “triple bottom line”, ovvero, caratterizzate dall’essere ambientalmente sostenibili, economicamente soddisfacenti e socialmente eque.

I ricercatori del Centro, grazie a numerosi progetti di ricerca nazionali, transnazionali ed internazionali (V, VI e VII Programma auadro dell’UE) hanno effettuato studi mirati a valutare le performance delle colture bio - sia in termini quantità che della qualità delle produzioni - la qualità dei suoli e dei fertilizzanti organici per l’agricoltura biologica. Data la loro stretta interconnessione, queste tematiche vengono approfondite unicamente in studi caratterizzati da elevata interdisciplinarietà e basati sull’impiego dell’approccio agro-ecologico di sistema. Per tale motivo, i ricercatori del CRA-RPS hanno instaurato collaborazioni fattive con Centri ed Unità del CRA e Università Italiane e straniere.

Nel dettaglio, ad oggi, buona parte delle ricerche in corso, riguarda studi mirati al miglioramento delle capacità produttive e della sostenibilità ambientale dei sistemi orticoli condotti con il metodo di agricoltura biologica. Le tematiche affrontate riguardano principalmente l’effetto della diversificazione delle rotazioni, l’uso delle cover crops, delle inter crops e le loro implicazioni nella fisiologia dei sistemi colturali. In prospettiva, diverrà rilevante il tema della riduzione dei consumi energetici (es. riduzione delle lavorazioni). Sono inoltre state attivate specifiche linee di ricerca per approfondire lo studio dei sistemi orticoli biologici in ambiente protetto.

Negli ultimi anni, infatti, l’assenza di un quadro regolamentare a livello europeo che tenga conto delle specificità delle produzioni in serra, ha consentito lo sviluppo di tecniche produttive estremamente diversificate, che sembrano sempre più distanti dai principi basilari dell’agricoltura biologica. L’esigenza di coprire questo “vuoto” tecnico-normativo è percepito con sempre maggiore necessità dal mondo produttivo a livello europeo. Uno degli aspetti più specifici di interesse dei ricercatori del CRA-RPS riguarda la problematica della produzione vivaistica orticola biologica, che non si esaurisce nella definizione della composizione del substrato colturale ma che richiede la messa a punto di pacchetti tecnologici che tengano delle modalità di gestione complessive della produzione biologica in ambiente protetto.

I ricercatori del CRA-RPS sono costantemente impegnati a rendere sinergica la loro attività di ricerca con l’approfondimento delle questioni tecnico-normative, anche al fine di garantire il necessario supporto alle Istituzioni Nazionali ed Europee (Ufficio di Agricoltura Biologica del Mipaaf, Organic Farming Unit della DG Agricoltura della Commissione Europea).

Progetti di ricerca

Settore: Tecniche di gestione e fertilità del suolo in Agricoltura biologica

  • Attività di sviluppo e sostegno all'agricoltura biologica (RPS) - AGRUQUAL

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Attività di supporto tecnico consultiva al MiPAAF a sostegno dell’agricoltura biologica - ASAB

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Impiego del compost in sistemi arativi biologici mediterranei Stockless - COMPARABIMUS

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • La concimazione azotata degli ortaggi - AZORT

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Metodi indiretti per la gestione delle infestanti in orticoltura biologica - ORWEEDS

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Produzione e utilizzo di substrati per la vivaistica, miglioramento delle tecniche di gestione del suolo e delle strategie di fertilizzazione dei sistemi ortofrutticoli mediterranei da reddito condotti con il metodo di agricoltura biologica - FertOrtoMedBio

    Responsabile: Tittarelli Fabio - fabio.tittarelli@entecra.it - 06 7005413 241
  • Ricerche avanzate in agrumicoltura e loro applicazione - RAVAGRU

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Sistemi e metodi di agricoltura biologica per il miglioramento della qualità delle produzioni vegetali e dell'ambiente. - SIMBIO-VEG

    Responsabile: Canali Stefano - stefano.canali@entecra.it - 06 7005413 242
  • Utilizzo nella floricoltura industriale sostenibile di materiali innovativi pacciamanti da risorse rinnovabili - IMPACFLOR

    Responsabile: Rea Elvira - elvira.rea@entecra.it - 06 7002636/228
  • Valorizzazione della tipicità orticola attraverso l'agricoltura biologica - VALORBIO

    Responsabile: Aromolo Rita - rita.aromolo@entecra.it - 06 7008260/interno 225
  • Valutazione dei fattori responsabili della contaminazione da micotossine nella granella di mais e frumento tenero derivanti da agricoltura biologica - BIOMIC

    Responsabile: Alianello Alberto - alberto.alianello@entecra.it - 067005413 244

Settore: Vocazionalità e gestione agro ecosistemi

  • Certification of the geographical origin and promotion of the quality image of local varieties of sweet pepper of Piemonte Region - CAPSIQUAL

    Responsabile: Sequi Paolo - paolo.sequi@entecra.it - 06 7005413 223
  • Fertilità del suolo: ripristino, mantenimento ed ottimizzazione per la valorizzazione dei terreni e del paesaggio in ambienti ad elevata vocazione viticola - VITESUOLO

    Responsabile: Leita Liviana - liviana.leita@entecra.it - 0481522041
  • miglioramento dell’attività agrituristica e della produzione di tartufi attraverso la destagionalizzazione dell’attività agrituristica - TARTURISMO

    Responsabile: Bragato Gilberto - gliberto.bragato@entecra.it - 0481522041
  • Relazione tra risorse ambientali e produzione viticola di qualità nella zona meridionale della D.O.C. Colli Orientali - VOCAVIT

    Responsabile: Leita Liviana - liviana.leita@entecra.it - 0481522041
  • Tipizzazione e Valorizzazione del Radicchio denominato” Rosa di Gorizia” - RosaDiGorizia

    Responsabile: Leita Liviana - liviana.leita@entecra.it - 0481522041